Perché il Brasile è un’opportunità per le PMI Italiane? (parte II)

Perché il Brasile è un’opportunità per le PMI Italiane? (parte II)

Perché il Brasile è un’opportunità per le PMI Italiane? (parte II)

I “grandi eventi” (così la stampa brasiliana ama definire i Campionati Mondiali di Calcio del 2014 e i Giochi Olimpici del 2016 a Rio de Janeiro) saranno accompagnati da “grandi opere” riguardanti le infrastrutture nelle città sede delle competizioni (principalmente nei settori dei trasporti pubblici, della costruzione civile, alberghiero e di tutti i servizi collegati all’attività sportiva e turistica). Il Brasile necessita, infatti, di urgenti investimenti nel settore infrastrutturale. La commissione del Senato di Brasilia ha recentemente pubblicato un report in cui si evidenziano le specifiche degli investimenti da effettuare entro il 2014 e, secondo tali stime, il Brasile spenderà più di quanto sia stato speso negli ultimi tre mondiali messi assieme: i mondiali svolti in Giappone e Corea, Germania e Sudafrica sono costati complessivamente 30 miliardi di dollari, mentre le stime del Governo brasiliano prevedono investimenti per almeno 40 miliardi di dollari. Da segnalare che per la costruzione e l’attrezzamento degli stadi, il governo brasiliano ha creato, alla fine dello scorso anno, il Regime Speciale di Tassazione “RECOM”, che prevede alcuni sgravi fiscali, di competenza del Governo federale.

La crescita della classe media e l’alto potenziale di consumo della stessa rappresentano uno dei principali punti di forza, nonché driver dell’economia brasiliana. Nel corso dei due mandati del presidente Lula (dal 2002 al 2010) circa 29 milioni di brasiliani non abbienti (appartenenti alle classi D e E, le due più povere) sono entrati nella classe media divenendo a tutti gli effetti consumatori. La classe media, indicata come classe C, include i brasiliani con reddito da R$1.610 a R$6.941 e rappresenta attualmente il 53.3% (93mln di persone).

La crescita economica brasiliana è stata trainata principalmente dall’aumento dei consumi delle famiglie, stimolati dall’aumento del credito (alle banche italiane ronzano gli orecchi?). Tale politica ha permesso al Brasile di mantenere una crescita stabile durante la recessione economico-finanziaria iniziata nel 2008. Gli ultimi dati confermano che nei primi mesi del 2011 il prestito alle imprese è cresciuto del 18% rispetto al 2010 mentre il prestito alle famiglie è cresciuto del 23%. Nonostante tale corsa al credito abbia causato l’aumento dell’inflazione (uno delle principali preoccupazioni dell’attuale governo brasiliano), salita al 6,9% nel mese di luglio 2011, rappresenta, allo stesso tempo, è un’ulteriore conferma della crescita ininterrotta del mercato domestico.

Da notare inoltre che la crescita della classe media e il suo consolidarsi verso l’alto in termini di stili di vita e di aspirazioni, aumentano le opportunità per il Made in Italy, con particolare riferimento al tessile, all’abbigliamento e ai prodotti agroalimentari. Ma non solo: le voci principali dell’export italiano verso il Brasile sono rappresentate da accessori per autoveicoli, oli lubrificanti, valvole a sfera, macchine per imballaggi, barche, elicotteri e la meccanica strumentale.

Grandi opportunità di sviluppo infine sono presenti nel settore dei beni di consumo: il “Made in Italy” tradizionalmente affermato e ben recepito dai consumatori brasiliani, sta crescendo in modo rilevante, con particolare riferimento al settore alimentare, dove si  è registrato, nel periodo 2010/09, un incremento dell’export regionale del 47%.

 

Vuoi investire in Brasile?

Il team di Traduzioni Portoghese offre servizi di traduzione da italiano a portoghese brasiliano che potranno essere fondamentali per il successo del tuo business con il Brasile. Il nostro team annovera traduttori professionisti madrelingua brasiliani e italiani, che sapranno aiutarti grazie alla loro competenza nella traduzione commerciale, alla capacità di rispettare le tempistiche e all’offerta di un prezzo competitivo.  

 

Richiedi un preventivo gratuito senza impegno!

Credits: Confindustria Emilia-Romagna

 

Share

Federico Morato
Federico Morato

Ingegnere gestionale e consulente appassionato di imprenditorialità, lingue e Brasile. Dopo un'esperienza di due anni in Brasile, crea Brazicious, un'agenzia di traduzioni specializzata in traduzioni da e in portoghese. "Nordestino de coração", parla fluentemente quattro lingue e ama i ritmi musicali forró e axé, tipici del Nord-est del Brasile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *